Svaghi, attrazioni turistiche e luoghi da visitare

L’Isola dei Conigli, ovviamente.Il nostro più affascinante biglietto da visita. Ci pregiamo di questa spiaggia come pezzo pregiato d’incomparabile bellezza naturalistica, sotto tutti i suoi punti di vista.Riportata in tutti i depliant e locandine turistiche nei migliori siti internet e dalle più importanti agenzie di viaggio proponenti vacanze da sogno, resta sicuramente uno dei primi appuntamenti immancabili per chi giunge la prima volta a Lampedusa … ma anche per chi ci ritorna anno dopo anno.

vista dal castello

Ma Lampedusa, ovviamente, non è solo La spiaggia più bella del mondo”;altre incantevoli insenature di sabbia bianca e finissima si susseguono lungo tutta la costa meridionale dell’isola proponendo momenti di assoluta serenità, lungo il corso di tutta la giornata. Dalle prime ore del mattino, quando sono presenti ancora poche persone, fino al tramonto, dove particolari suggestioni di colore inebriano l’aria delle sere estive.Cala Guitgia, Cala Croce, la spiaggetta di Porto ‘Ntoni e quella di Cala Madonna sono tutte spiagge facilmente accessibili che sapranno sorprendervi per il loro particolare fascino a cui vi consigliamo di dedicare sicuramente una visita, sia essa di poche ore o dell’intera giornata.

Panoramica Guitgia

Dall’altro versante dell’isola, dal versante di levante, di certo sarà impossibile non innamorarsi delle scogliere di Cala Creta e Mare Morto, vere e proprie oasi di pace, in scenari fortemente suggestivi. Si prestano a momenti di piacevolissimo relax, vi sembrerà di restare fuori dal mondo per la maniera del tutto particolare che ha, quest’incredibile lido, di accogliervi in un abbraccio. Anche nel periodo di maggiore affluenza turistica, Cala Creta e la baia di Mare Morto sapranno impressionarvi con la loro riservatezza e le eccezionali sfumature del colore del mare, che qui assumono dei connotati del tutto particolari.

Ma se questi due versanti di Lampedusa sono agevolmente raggiungibili anche a piedi, un altro scenario che vi conquisterà totalmente si riserva di mostrarsi in tutto il suo splendore nella parte a nord dell’Isola, dove faraglioni altissimi e falesie a strapiombo su un mare eccezionalmente ricco di colore e trasparenze del tutto proprie, sapranno segnare i vostri ricordi di quest’isola a tal punto da non poterne più fare a meno.Ovviamente sono questi luoghi accessibili esclusivamente via mare, con l’ausilio di un motoscafo o di una delle tante imbarcazioni dedite al giro dell’isola, per cui vi bisognerà dedicare un’intera giornata.

Particolarmente indovinata e di successo, negli ultimi anni, per il piacere dei turisti, si è rivelata poi la possibilità di uscire in barca con le ultime luci del giorno per fermarsi così a cenare sulla barca stessa, presso una delle tante incantevoli insenature dell’isola, come ad esempio la Tabaccara, nei pressi dell’Isolotto dei Conigli.La possibilità di fare il bagno al tramonto, andare incontro ai delfini che giocano accompagnando le barche, o cenare lasciandosi cullare dall’acqua sotto un cielo di stelle, sono momenti questi che vi consigliamo di non farvi sfuggire.

Escursioni da vivere nel pieno di un’intera giornata sono poi quelle da dedicare a Linosa, affascinante sorella minore di Lampedusa, vera e propria perla nera del mediterraneo, così vicina … eppure così diversa;e l’isolotto di Lampione che propone punti di vista del tutto particolari nel cuore del Mediterraneo. Da Lampione tutto il mondo vi sembrerà sicuramente diverso.Consideriamo anche questi, altri due appuntamenti, assolutamente, da non mancare.

Ma anche una lezione di subacquea per svelare le meraviglie del mondo sommerso, un giro in macchina per le strade dell’entroterra dell’Isola, nonché la strada panoramica da cui è possibile osservare dall’alto incredibili panorami, o ancora, perché no!? Una passeggiata lungo il percorso naturalistico della Riserva Protetta, nella parte occidentale dell’Isola, dove la natura allo stato puro vi accoglie col suo silenzio e la sua immutabile bellezza scenografica.C’è un sentiero in particolare che vi porterà fino a Cala Pulcino, che si rivelerà davanti a voi, d’improvviso, in un magnifico colpo d’occhio.

E ancora: una visita al Santuario della Madonna di Porto Salvo, patrona dell’Isola di Lampedusa. Un giardino fiorito e ben tenuto, luogo sacro ma anche leggendario per le vicende legate al monaco che ricavava presso queste grotte l’accoglienza per le imbarcazioni di passaggio siano state esse cristiane o musulmane.Non per ultimo una passeggiata al centro, per scoprire via Roma e la vita dei lampedusani, che nel cuore di quest’isola vivono da sempre in armonia con la natura e la peculiare caratteristica di quest’isola … “da alto mare”.

Sono tante le cose da fare a Lampedusa e una settimana può risultare un periodo forse un po’ breve ma sufficiente a coglierne gli aspetti essenziali, anche se poi magari uno di questi meriterebbe di soffermarcisi un po’ di più … ed allora sarà piacevole segnare sin da subito la data di un prossimo appuntamento da rivivere insieme.

Autore
giorno
logo
top